+ 39 333 964 0032

Hai chiuso la macchina?  Hai spento il gas? Domande che ognuno di noi si è fatto almeno una volta nella vita, in genere senza darci troppo peso.

Per alcuni, invece, controllare, ponderare, riflettere, essere acuti e razionali è un modo di vivere. Non importa essere Jack Nicholson nel film “Qualcosa è cambiato” o Leonardo Di Caprio in “The Aviator” per soffrirne o perdere molto tempo prezioso: quelli sono casi che i manuali diagnostici considerano inquadrabili come Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC). C’è infatti un continuum tra chi ogni tanto si chiede se ha lasciato acceso il gas e chi mette in atto rituali molto complessi. E a questo continuum si accompagnano diversi gradi di sofferenza e disagio.

Una personalità ossessivo-compulsiva

  • Enfatizza la ragione e la logica
  • Cerca sempre di essere “oggettiva”
  • Non si lascia trascinare dall’entusiasmo
  • Non gioisce troppo perché “tanto poi…”
  • È zelante
  • È distaccata
  • Ha un elevato senso della giustizia e dell’onestà
  • È formale
  • È parsimoniosa
  • Appare fredda e formale

​Tutto questo come detto non costituisce di per sé un disturbo né, allo stesso modo, necessariamente è sentito dalla persona come un problema. Almeno fino a quando il sistema-persona regge e non va in tilt.

Lo scompenso
Le alterazioni significative dell’equilibrio emotivo, sia quelle negative che quelle positive, che non riescono a essere costruite in termini di significato possono dar luogo a degli scompensi. Periodi di stress possono rendere la persona più fragile e vulnerabile, così una gioia o una preoccupazione, un piacere o un dolore, possono rendere necessario per la persona accentuare le idee ossessive e dar loro attuazione in compulsioni e rituali.

La terapia
Una terapia centrata sui sintomi è destinata a fallire. Solo stando in una relazione significativa e attuando un processo di ricerca in cui il terapeuta è garante del metodo di lavoro, è possibile cogliere una esperienza emozionale capace di dar valore alle emozioni, ai punti di vista, di far sentire la persona amata e amabile e di aiutarla a costruire con minore vaghezza il mondo circostante. Solo così le idee ossessive e i rituali non saranno più necessari e la persona potrà farne a meno.

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi avere altre informazioni su come ti potrebbe aiutare un percorso di psicoterapia? Contattaci compilando il form oppure telefonicamente. In questa particolare “area” i contatti diretti sono:

| Cura ansia firenze | terapia ansia firenze | ansia psicologo firenze | ansia psicoterapia firenze sud | studio psicologo firenze | psicologo per ansia | risolvere ansia firenze |Psicologo disturbo ossessivo compulsivo | doc psicologo firenze | disturbo ossessivo compulsivo cura firenze |terapia compulsioni  |psicologo doc firenze |