+ 39 333 964 0032

Ci sono bambini che quando il babbo o la mamma si allontanano, si disperano e piangono incessantemente, anche quando l’età farebbe pensare a comportamenti bene diversi. Queste manifestazioni a volte sono legate a periodi particolari o “in risposta” a eventi specifici: come tali possono risultare passeggere e superficiali. A volte invece la difficoltà a separarsi dai propri genitori assume forme più profonde: si può assistere ad una vera e propria ansia da separazione che può diventare, nelle situazioni più gravi, Disturbo d’Ansia da Separazione. Vediamone le caratteristiche peculiari:

Ansia da Separazione
Il bambino di fronte alla separazione da una o entrambe le figure di attaccamento può dimostrare una reazione ansiosa non in linea con il suo livello di sviluppo. Tale ansia è caratterizzata dalla presenza di:

  • preoccupazioni riguardo a possibili incidenti che potrebbero verificarsi
  • preoccupazioni riguardo a possibili eventi sfavorevoli
  • rifiuto di andare a scuola per evitare il distacco
  • rifiuto di dormire senza la presenza di un genitore nella stanza
  • persistente paura di stare solo
  • incubi relativi alla separazione dei genitori
  • sintomi somatici ripetuti, temporalmente legati alla separazione
  • notevole sofferenza prima, durante e immediatamente dopo la separazione

Come si capisce c’è un continuum tra la paura relativa al distacco dai genitori e manifestazioni che definiscono un disturbo. In ogni caso la ripetuta sofferenza data dalla separazione e dal distacco deve essere letta e considerata come un segnale relazionale all’interno del sistema famiglia.

L’intervento clinico
Il professionista che si trova di fronte ad un bambino molto preoccupato dal distacco con uno e entrambi i genitori è chiamato a condurre una verifica approfondita della situazione, osservando come il bambino sta con se stesso e con il mondo che lo circonda; deve dare una visione globale al problema presentandolo ai genitori affinché possano leggerne le sfumature e i significati; deve costruire professionalmente l’ansia da separazione nell’intreccio delle dinamiche familiari, considerandola nella sua funzionalità relazionale.
Solo così può essere progettato un intervento che può assumere la forma di:

  • Psicoterapia con il bambino (intervento diretto) o
  • Parent training con le figure di attaccamento (intervento indiretto)

La psicoterapia nel caso di ansia da separazione si porrà l’obiettivo di modificare le modalità relazionali, i pattern di attaccamento e la narrazione rispetto a se stessi e al mondo.
L’intervento con i genitori, invece, si porrò l’obiettivo, detto sinteticamente, di modificare il sistema famiglia in modo da permettere che la preoccupazione legata al distacco venga accolta e compresa.

Ti sembra di riconoscere qualcosa di te e della tua famiglia in ciò che l’articolo descrive? Prova a capirci qualcosa di più, contattaci attraverso il form o telefonando direttamente ai nostri professionisti. Per questi temi ti suggeriamo:

 

|Cura ansia firenze | terapia ansia firenze | ansia psicologo firenze | ansia psicoterapia firenze sud | studio psicologo firenze | psicologo per ansia | risolvere ansia firenze | ansia bambini cura firenze | psicologo infanzia firenze | psicologo infantile firenze |